Boris – Il film (Ciarrapico, Torre, Vendruscolo) ★★½ /4

Italia, 2011, 108 min.

Per chi ancora non lo conoscesse Boris è un telefilm italiano diventato un piccolo cult nell’arco di sole tre stagioni (su Sky, prodotto da Fox) che prende in giro in maniera divertente e intelligente il mondo delle soap nostrane. Forte di una schiera di fedelissimi fan gli autori/registi Ciarrapico, Torre e Vendruscolo hanno fatto il naturale passo verso il grande schermo mantenendo lo stesso cast e prendendo di mira, questa volta, cinepanettoni e film autoriali.

Il regista Renè Ferretti (un ottimo Francesco Pannofino), all’ennesima ingerenza della produzione in uno dei suoi progetti da girare “alla cazzo di cane” decide finalmente che ne ha abbastanza, abbandona la sua scalcinata troupe e, dopo un periodo di crisi, si getta con entusiasmo su un progetto serio, pensando all’adattamento per il grande schermo del libro-inchiesta La Casta (curioso come il film sia uscito in contemporanea con Silvio Forever, scritto dai due giornalisti autori del libro sopracitato). Assunti una serie di rinomati (e spocchiosi) professionisti tenta di iniziare le riprese, ma ne succedono ovviamente di tutti i colori, portando ad un prodotto finale che sarà il completo opposto di quelle che erano le intenzioni iniziali. Un altro cinema è possibile? La risposta di Boris è amaramente negativa anche se il film stesso è qui a voler dimostrare il contrario.

Impossibile non voler bene a progetti del genere: scritto con intelligenza, Boris riesce a riscattare anni di frustrazione derivata da telefilm più o meno pessimi (Montalbano è una felice eccezione ed è stato giustamente premiato dal pubblico) svelandone i meccanismi dall’interno e reinterpretandoli in chiave satirico-grottesca, anche se viene naturale pensare che la realtà non sia poi così lontana…tra “attrici cagne” spinte dagli sponsor e quindi intoccabili, attori bravi che devono recitare male per non far notare lo scarto, una troupe tutt’altro che professionale, sceneggiatori con stuoli di ghost writers e stagisti-schiavi. Per questa versione cinematografica sono state poi fatte appropriate aggiunte tra le quali un’attrice nevrotica (il riferimento a Margherita Buy è evidente) che Ferretti riesce a far recitare solo fingendosi altrettanto fragile e insicuro e un direttore della fotografia snob e maniacale per il quale non c’è mai la luce giusta per girare.

Molte sono le gag mandate a segno e il ritmo si mantiene sempre elevato evitando con leggerezza i momenti morti; esilaranti in particolare la trovata dell’8×12, Stanis (l’attore principale della soap di Ferretti) che vuole entrare a forza nel film interpretando Fini e una versione molto verosimile di un cinepanettone. Ne viene fuori la visione di un mondo non molto migliore di quello televisivo, dove fare un film spazzatura diventa quasi più dignitoso del girarne uno autoriale: illuminante a questo proposito la “lezione” su come far funzionare un cinepanettone. Come dice Lopez, il delegato di rete, “dopo la tv c’è il cinema, dopo il cinema la radio e dopo la radio la morte”. Per lui finire nella sezione cinema vuol dire andare in un posto maleodorante dove tutti indossano “maglioncini e occhiali alla Gramsci”, un covo di comunisti insomma. Ma non si salvano né i produttori televisivi né gli “artisti” del cinema, ogni (raro) nobile intento viene immediatamente disilluso per fare posto a sgradevoli compromessi, senza i quali sembra impossibile poter lavorare e guai a voler cambiare le cose.

la “cagna maledetta” in azione

Uno degli elementi migliori del film è quello di far “ridere della risata” e far provare al tempo stesso una sensazione di disagio in questo, poiché costringe lo spettatore a ridere mostrandogli esattamente quegli aspetti che intende criticare, come avviene ad esempio con il cinepanettone presente nel film o lo spettacolo teatrale di un comico che riempie i palazzetti con un solo volgare tormentone (ah, quanta verità…). La vis comica non impedisce quindi al film di lanciare alcuni spunti di riflessione tutt’altro che trascurabili sullo stato delle cose della nostra industria cinematografica e, chiaramente, sulla società in generale. La grottesca e amara conclusione della pellicola è un “abbiamo quello che ci meritiamo”, perché in fondo dei film di denuncia ce ne sbattiamo e quello che vogliamo è semplicemente ridere e non pensarci (come recitava il titolo di una bella commedia di Zanasi). Quando però si ride in questa maniera allora, forse, una speranza c’è ancora.

EDA

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Boris – Il film (Ciarrapico, Torre, Vendruscolo) ★★½ /4

  1. Watanabe ha detto:

    Purtroppo arriverà a stento al milione di euro, quando anche la più scarsa delle commedie italiane ha superato i sette milioni. E’ veramente un peccato, poi è stata anche la sfortuna di uscire nelle due settimane estive di questo aprile.

    *Non pensarci è di Gianni Zanasi, ti sei confuso con Krzysztof Zanussi..

  2. Shiver- ha detto:

    Tristezza di mondo…

  3. curiositizen ha detto:

    bello bello, a me è piaciuto davvero tanto. Poi i “film sui film” m’incuriosiscono sempre molto :)
    ciao, c

  4. EDA ha detto:

    @watanabe: corretto il refuso, grazie e, come da tua previsione, il film si è attestato sul milione di euro

    @curiositizen: condivido la stessa passione, tanto da aver recentemente apprezzato anche Scream4 che sul metacinematografico gioca molto

  5. Bruno ha detto:

    Un bel film, molto divertente, con ottimi spunti di riflessione.
    Ma gira che ti rigira siamo sempre noi pochi appassionati che facciamo i discorsi sullo schifo dei cinepanettoni, su quello che non funziona, la stragrande maggioranza del pubblico occasionale invece va a vedere solo delle cazzate… scusate l’amarezza…

  6. riky_6 ha detto:

    Davvero un bel film, soprattutto dopo aver visto la serie TV, che da un senso a tutta la trama.
    Devo dire che tra serie TV e film ho preferito il film. A mio parere le storie dell’esilarante troupe televisiva si giostrano meglio in 22 minuti che in un intero film.

    Dai dai dai!! ;-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...