Haunters (Kim Min-suk) & Cyrano Agency (Kim Hyun-seok) / FEFF 13 – speciale #3

Due sole recensioni questa volta, ma più articolate, per due bei film coreani passati sugli schermi del FEFF e che meritano spazio e visibilità, il primo in particolare.

Haunters di KIM Min-suk
Corea del Sud, 2010, 114m    voto:  ★★★/4

Il più bel film fin qui visto a Udine è l’opera prima di un regista del quale sicuramente si sentirà parlare in futuro e che ha già esperienze importanti alle spalle, essendo stato aiuto-regista in film come The Host e The good, the bad, the weird con i quali condivide l’alto tasso di spettacolarità e intrattenimento, misti ad una forte impronta personale.

Davvero notevole questa rivisitazione urbana di uomini con superpoteri, a metà tra Heroes e Shyamalan, anche se a dire la verità la sinossi faceva temere potesse essere un brutto clone di un brutto film come Push. I timori però sono stati spazzati via sin dal prologo sul tragico passato di un ragazzino che ha il potere di controllare gli uomini con il solo sguardo (come accade al protagonista del famoso anime giapponese Code Geass) la cui vita scorre relativamente tranquilla tra piccoli crimini indisturbati fino a quando non trova un uomo in grado di resistere al suo potere. Byuk-nam, il vero protagonista della pellicola, cercherà infatti in tutti i modi di fermare la sua nemesi, la quale a questo punto andrà letteralmente in berserk tra deliri di onnipotenza e odio per l’umanità tutta (suggestive e di grande impatto visivo almeno due scene sul tema), scatenando una furia distruttiva e incontrollabile. In questo fantasy-thriller dalle tinte cupe (tante scene notturne, tanta pioggia) la difficilissima caccia all’uomo di Byuk-nam procederà, seppure con una certa meccanicità nel susseguirsi degli avvenimenti, in un crescendo teso  e vibrante, durante il quale la tensione drammatica si farà sempre più palpabile fino al confronto finale con l’antagonista, nel più classico degli scontri tra Bene e Male.

Al di là di un comparto tecnico a cui è difficile muovere critiche, soprattutto per quanto riguarda la fotografia e una colonna sonora straniante sfruttata in maniera originale, è molto interessante notare l’uso che il regista fa degli outcast, gli emarginati, con il quale sembra riecheggiare alcune delle tematiche care al primo Miike (e, secondariamente, al fumetto supereroistico americano). Qui, come nel regista giapponese, sono gli emarginati – il protagonista all’inizio lavora in uno sfascia-carrozze, mentre la sua nemesi vive solo e senza contatti con altre persone – ad avere i poteri, sono quindi diversi dai “normali” esseri umani; questo scarto è avvertito in maniera dolorosa da entrambi in un sentimento che però  porta a due opposte reazioni. Da una parte sfocia in un odio cieco e distruttivo, dall’altra in una forte empatia per gli esseri umani in generale e per i più deboli in particolare. Tra queste due psicologie la meglio analizzata dal regista è sicuramente la prima, grazie soprattutto all’ottimo prologo, ma anche alla crescita del personaggio che arriva alla dolorosa consapevolezza che la sua invisibilità  lo ha portato (porterà) a non esistere più, non solo sul piano prettamente fisico ma anche su quello emotivo, perchè se è vero che può entrare in una banca e rapinarla senza che nessuno se ne accorga, lo stesso non si può dire per l’animo umano. Il tema degli ultimi della società e la vicinanza a Miike si ritrovano però soprattutto nello straordinario uso delle due spalle comiche del protagonista, un turco e un ghanese che parlano coreano perfettamente, in grado anche di esprimere un’ottima intensità nei momenti decisivi: impossibile non tifare per loro. Peccato per il finale, se il regista avesse avuto il coraggio di mettere la parola fine cinque minuti prima ne avrebbe guadagnato in potenza e completezza, evidentemente le dinamiche commerciali hanno influito anche qui.  

 

Cyrano Agency di KIM Hyun-seok
Corea del Sud, 2010, 117m      voto:  ★★½ /4

Ennesima commedia romantica coreana presente al festival ed ennesimo prodotto divertente e convincente, forse anche con una marcia in più rispetto gli altri esponenti fin qui presentati.

Il soggetto è originale quanto basta: un gruppo di squattrinati attori teatrali allestisce un’agenzia che aiuta, davvero con qualsiasi mezzo ed espediente, i propri clienti a conquistare la persona che amano. La storia del primo cliente rappresenta un divertente prologo alla vicenda principale che aiuta a conoscere i personaggi principali e ad impostare il tono della pellicola: a tante situazioni comiche il film non ha infatti paura di spingersi verso momenti decisamente sentimentali, ma senza ricorrere fortunatamente ad un eccessivo sentimentalismo, rendendo quindi la pellicola godibile anche per chi alla definizione “commedia romantica” storce il naso (come il sottoscritto). 

I problemi per l’agenzia si complicano quando la ragazza che uno dei loro clienti vuole conquistare è la ex (non dimenticata) di uno dei membri; è a questo punto che il film diventa una sorta di rivisitazione moderna del Cyrano, più volte citato dai personaggi stessi, che nella sua evoluzione riesce nel buon finale a toccare e spiazzare lo spettatore nella valorizzazione di Christian, amante senza favella, il cui amore non per questo è meno sincero e profondo di quello di Cyrano. Pur essendo un film commerciale, fattore che si rispecchia in un’estetica forse un pò troppo patinata, rimane un prodotto ben scritto e girato, che fa uso di una comicità intelligente quasi mai legata alla sola fisicità degli attori (come spesso accade in questo genere di film). Merito sicuramente anche di un ottimo cast nel quale spicca Lee Min-jun, la quale riesce a tratteggiare un personaggio lontano dagli stereotipi della “donna ideale” e più vicino al reale, emanando un suo particolare fascino.

E’ interessante infine notare come dietro questa patina di leggerezza e romanticismo si celi una visione dell’amore piuttosto pessimista, basata tutta sul calcolo e non sul vero sentimento, visione che idealmente permette a chiunque di conquistare la persona desiderata adottando le “tattiche” giuste. Così come è apprezzabile la riflessione metanarrativa sul corteggiamento come rappresentazione, preparata dall’agenzia sin nei minimi particolari. Elementi proposti in maniera leggera ma efficace, senza nessuna ombra di intellettualismo. Non male per una semplice commedia commerciale.

EDA

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...