Paul (Greg Mottola) ★★/4

Paul, USA/Gran Bretagna, 2011, 104 min.

Il grande duo britannico composto da Simon Pegg & Nick Frost, autore del geniale Shaun of the Dead (a tutt’oggi la migliore parodia/commedia del genere horror, da noi, L’alba dei morti dementi….) e dell’altrettanto buono Hot Fuzz, sbarcano in America e affidano la loro sceneggiatura a uno degli specialisti della commedia made in USA, Greg Mottola (autore del sottovalutato SuxBad e di Adventureland).

Si vede che Simon e Nick si divertono parecchio a lavorare insieme (tanto che nel film non lesinano insinuazioni e battute sulla loro apparente omosessualità) e non è difficile vedere nei supergeek che interpretano una parte di loro stessi, d’altronde non hanno mai fatto mistero dei loro gusti artistici, essendo la citazione/parodia parte integrante della loro comicità. Il film si apre sul ComicCon di San Diego, convention di fumetti, videogiochi e fantascienza assortita, che chi conosce sa essere uno dei luoghi con la più alta concentrazione nerd sul pianeta. I due interpretano un fumettista e un illustratore inglesi in gita di piacere in America (inevitabili le battute sul thè e abitudini alimentari) dove hanno in programma la visita dei più famosi luoghi d’avvistamento alieni della storia, dall’Area 51 alla Black Mailbox. E’ proprio durante questo viaggio che i due si imbattono in un alieno in carne e ossa, Paul appunto, stereotipato nell’aspetto (“e certo, sono 60 anni che vi bombardano con gadget con la mia faccia sopra!”), ma null’affatto nei modi di fare. Sboccato e vizioso, compagnone e generoso con gli amici, Paul sa essere anche molto astuto e spietato con i suoi nemici che, come scopriremo, sono molti. L’alieno infatti è riuscito a fuggire alle grinfie del Governo ed è ora ricercato da un super agente segreto, un paio di poliziotti sfigati e un fanatico religioso.

La storyline non è di certo tra le più originali e il finale è altamente prevedibile, ma la successione di incontri, fughe e azione, inframezzata da situazioni comiche a raffica, è godibilissima e trova il suo maggiore punto di forza nel rapporto che si viene instaurando tra i due protagonisti e il piccolo alieno, sicuramente il migliore dei tre (doppiato in originale dal vocione di Seth Rogen e in italiano da Elio, autore di un ottimo lavoro). Di certo non è uno di quei film “con i pupazzi animati” che le famiglie portano a vedere ai loro bimbi, dato che la scorrettezza verbale e non di Paul, sorta di E.T. all’incontrario, non è propriamente educativa, ma farà sicuramente la gioia degli spettatori più cresciuti. La coppia Pegg&Wright, già collaudatissima in passato, funziona anche qui con una comicità slapstick spesso al limite del demenziale, pur rischiando di rimanere ad appannaggio degli spettatori in grado di cogliere le citazioni, tanto da poter dire che sono proprio i nerd in senso generico, appassionati di fumetti e sci-fi, il principale target di questa pellicola, infarcita com’è di riferimenti a film, comics, serie tv e ufologia, con trovate spesso azzeccate (da chi pensate che abbia ripreso Steven Spielberg per il suo E.T.?).

Paul è invece il riuscito mix di tutta una serie di stereotipi e controstereotipi sugli alieni rielaborato in salsa comica; non gli mancano alcuni abilità speciali come invisibilità (simpatiche le scene sull’argomento), passaggio tattile della conoscenza e poteri curativi, quest’ultimi introdotti con una gag che ribalta i cliché, ma che lo spettatore può prevedere torneranno utili nel proseguo della pellicola.  E’ interessante notare come Paul (sulla Terra da parecchi anni) abbia compreso benissimo i comportamenti umani tanto da averne assimilato i vizi, riuscendo però al tempo stesso a capire e comportarsi di conseguenza a seconda delle varie tipologie di persone che incontrerà, risultando alla fine come una sorta di illuminato outsider in grado di migliorare coloro che gli sono attorno, pur con metodi poco ortodossi (ma molto divertenti). Il film però non scansa un certo buonismo di fondo, sicuramente consono al tono della storia, ma che un personaggio del genere avrebbe potuto facilmente spazzare via e un pò più di cattiveria non sarebbe guastata, nonostante si recuperi in parte con il magnifico cammeo della “signora degli Alien” Sigourney Wiver, la cui fine è tanto repentina quanto lo era stato l’arrivo.

Mottola dirige un on the road atipico quanto il suo protagonista, immerso nei paesaggi piatti e aridi del deserto tra Arizona e Nevada, descrivendo una popolazione violenta e bigotta, incapace di guardare oltre il proprio fucile, ma non è certo più tenero con i rappresentanti del potere, tanto stupidi quanto arrivisti e senza scrupoli. Difficile comunque parlare di una vera e propria satira sociale, nonostante alcune uscite di Paul nascondano sotto all’apparenza comica una critica tagliente. Il film rimane comunque qualche gradino al di sotto  se paragonato a Shaun of the Dead: meno brillante, nonostante l’originale idea del personaggio principale,  nelle situazioni e nella comicità. Spesso divertente, ma raramente in grado di strappare risate piene, Paul si dimostra poco “sincero” nel suo essere fin troppo accomodante alla resa dei conti, dopo aver costruito per gran parte della pellicola una patina di cinismo poi puntualmente smentita.

EDA

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...