Harry Potter e i doni della Morte – Parte 2 (David Yates) ★★/4

Harry Potter and the Deathly Hallows: Part 2, USA, 2011, 130 min.

Si conclude dopo dieci anni e otto lungometraggi la saga di Harry Potter, cresciuto insieme al suo pubblico, traghettandolo dall’adolescenza alla maturità, in una progressione che si è riflessa anche nei film, andati man mano incupendosi. L’ultimo tema non poteva quindi che essere il confronto, l’accettazione e il superamento della morte, a corollario di tutti quei valori positivi di cui Potter è portatore dall’inizio della saga e che ne hanno fatto l’incarnazione dello spirito di squadra, dell’altruismo e dell’umiltà eroica.

In questa seconda parte del capitolo finale ritroviamo Harry, Hermione e Ron alla ricerca degli ultimi Horcrux per distruggere once and for all il malefico Voldemort. Il caso (?) vuole che l’ultimo (?) si trovi proprio nel castello di Hogwarts, dove i nostri tre eroi ritroveranno i loro vecchi compagni di scuola e affronteranno l’assalto di Voldemort e del suo esercito, fino all’inevitabile scontro finale tra Harry e la sua nemesi. 

Non sono un esperto dei libri nè dei film, non pretendo quindi di poter analizzare la saga nella sua interezza, ma posso sicuramente dare un giudizio sul film in sè e, in quanto tale, questo ultimo capitolo è piuttosto fiacco. L’uso di ottimi effetti speciali che mostrano i muscoli con decisione facendo risaltare scene come l’incipit, la fuga dalla sala dei segreti o la battaglia campale al castello di Hogwarts, non sono supportati da una narrazione veramente efficace e si fa fatica a cogliere quell’epicità che alcuni momenti avrebbero richiesto. Ad esempio, se la sala non avesse applaudito non avrei mai capito che il bacio tra Hermione e Ron fosse stato il primo palesarsi del loro amore, un momento decisamente sciupato da una scena frettolosa e priva di pathos.

Penso di non essere il primo a trovare in questo racconto tante affinità con l’altra saga fantasy  di questo ultimo decennio, Il Signore degli Anelli, ed è ovvio che alcune scelte narrative, più che “copiare” da quest’ultimo, facciano parte degli archetipi di questo genere. Il problema però è come li si utilizza: Yates è un onesto artigiano che non può pareggiare l’immaginazione di un Peter Jackson e cerca di portare a casa la pellicola cercando di scontentare meno spettatori possibili. Non per questo il film è esente da difetti e cadute di ritmo. Affianco a scene d’azione ben girate, ma comunque un pò fredde, ci sono interminabili parti parlate che hanno il solo scopo di spiegare nei dettagli tutto quello che si è visto; non sia mai che lo spettatore non ci arrivi da solo. Intere sezioni sarebbero potute benissimo essere tagliate visto la loro utilità narrativa; vorrebbero essere rivelatrici e toccanti, ma sono messe in scene con tale semplicità da poter fare effetto solo sui fan dei libro: mi riferisco chiaramente sia al sogno/esperienza di pre-morte di Harry che al finale-finale.

La caratterizzazione dei personaggi è  stata costruita nell’arco di molte pellicole e sembrano qui vivere della rendita dell’affetto guadagnato negli anni; difficilmente i tre attori protagonisti aggiungono qualcosa in più ai loro personaggi e Voldemort, il cattivo dei cattivi, spiace dire che manca completamente di carisma. La prova migliore la fornisce probabilmente Alan Rickman nei panni di Severus Piton che svela finalmente i motivi della sua ambiguità e porta Harry ad una delle scene migliori della pellicola: il flashback sui suoi genitori.

I doni della Morte – Parte 2  rimane comunque un modesto intrattenimento, con discrete scene d’azione, ottimi effetti speciali e qualche trovata visiva azzeccata, ma azzoppato dalla volontà di chiudere tutte le sottotrame e dare spazio a tutti i personaggi apparsi nella saga senza il supporto di una narrazione efficace, con il risultato di mancare di coinvolgimento  e di quel respiro epico necessario alla conclusione di una saga così duratura.

EDA

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Harry Potter e i doni della Morte – Parte 2 (David Yates) ★★/4

  1. terzogiro ha detto:

    “non avrei mai capito che il bacio tra Ermione e Ron fosse stato il primo palesarsi del loro amore”

    ma non è il primo infatti.

  2. EDA ha detto:

    mmm allora le mie fonti harrypotteriane hanno fallito miseramente

    comunque anche stando così le cose il succo non cambia: una scena importante (l’unica alla fine della quale la sala ha applaudito) sminuita da una messa in scena piatta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...