Drive (Nicolas Winding Refn) ★★★/4

Drive, USA, 2011, 100 min.

Buon ultimo arrivo io a recensire quello che, per me, era il film più atteso da qualche mese a questa parte. Me la sono presa comoda, ho goduto l’attesa, le proiezioni saltate all’ultimo hanno fatto crescere l’hype; man mano che leggevo le recensioni e i commenti in giro sapevo che era un film per me, di quelli che mi fanno comparire un sorriso ebete sul volto mentre li guardo e non c’è nulla da sorridere. La troppa aspettativa spesso si rivela controproducente, ma non riuscivo a trattenerla fin quando non si sono spente le luci in sala….

I titoli di testa rosa shocking e il font alla “Vice City” rappresentano solo il primo dei tanti richiami al cinema e alla cultura degli anni 80 di cui Drive, che si propone anche come una sorta di nuovo western, è allo stesso tempo un sincero omaggio e una intelligente rilettura moderna con il suo “cavaliere della valle solitaria”, un Clint Eastwood metropolitano con al posto del sigaro uno stuzzicadenti. Volto impassibile, di poche parole, il personaggio senza nome (è semplicemente Driver, l’Autista) interpretato da Ryan Gosling non ha passato nè futuro, vive nel presente la sua parabola irrimediabilmente tragica e romantica con il più classico degli amori impossibili e solo sussurati. Barcamenandosi tra i set cinematografici dove fa lo stuntman, l’officina del suo mentore e rapinatori per i quali fa da guidatore, il metodico e preciso Driver vive secondo una rigida griglia di valori (a)morali che verranno però scombinati dall’entrata in scena di Irene (Carey Mulligan), la ragazza della porta accanto con figlioletto al seguito, portando il protagonista a compiere scelte dolorose pur di dar loro la tranquillità.

La prima scena, che mostra come il protagonista si prepari alle rapine e il suo metodo di lavoro (ti do 5 minuti e poi chi c’è c’è) è un piccolo saggio di cinema, una costruzione della tensione perfetta attraverso un uso di fotografia, regia, montaggio, musica diegetica ed extra-diegetica che trova il suo senso alla fine della sequenza, spiazzando lo spettatore.  Bisogna subito dire però che chi si aspetta un film d’azione classico o, peggio, uno alla Fast & Furious, rimarrà deluso: qui ci si muove su altri binari e con altri intenti, le scene d’azione sono poche e collaterali, i ritmi seguono il carattere pacato del driver e solo nel finale la situazione si movimenta, con 3-4 lampi di ultraviolenza che però valgono davvero l’attesa.

Il danese Refn, che con questa sua prima pellicola holliwoodyana ha vinto il premio per la migliore regia all’ultimo festival di Cannes, dirige con mano sicura una storia vista tante volte; situazioni e personaggi che sanno di archetipi donano alla sceneggiatura il sapore dell’essenzialità e della rifondazione del mito. Il regista non si limita certo al citazionismo o ad un raffinato esperimento metacinematografico (la parte finale sembra un’allegoria per la trasformazione in un supereroe), ma anzi la sua impronta personale è presente in ogni scena del film, dai momenti più romantici a quelli più drammatici e violenti; riesce addirittura ad unire i climax di queste due “tonalità” nella mirabile scena dell’ascensore che probabilmente rimarrà nell’immaginario del cinema di questo decennio e che per questo non voglio rovinare a chi non ha visto il film.

Per chi ama il cinema Drive è un oggetto prezioso: cinema di genere che oltrepassa il genere e allo stesso tempo cinema autoriale senza però alcuna ombra di intellettualismo se non una visione romantica dell’Eroe, dell’Amore e della Violenza. L’uso del montaggio, della fotografia e della colonna sonora (ipnotica e squisitamente anni 80) è così incisivo da parlare per i personaggi ed è quello che il cinema dovrebbe sempre fare ma che invece troppo spesso si dimentica.  Anche dal punto di vista del cast è diffcile muovere critiche: non c’è una faccia fuori posto a partire da un Gosling silenzioso e spietato, passando per la dolce e fragile Carey Mulligan fino ad arrivare alle splendide facce dei cattivi: Ron Perlman e Albert Brooks.

Drive rimane comunque un film non per tutti i palati (e gli stomaci!), troppo lontano dalla concezione moderna di film d’azione sia nella messa in scena che nel ritmo per diventare anche un successo commerciale. Questo non perchè il film sia lento, anzi prende man mano quota, ma perchè richiede l’attenzione dello spettatore e uno sguardo più contemplativo rispetto ad un action adrenalinico, anche in virtù della scarsa presenza dei dialoghi che potrebbe venire mal sopportata da chi è abituato a non ascoltare i silenzi. Il gioco di sguardi, piccoli gesti, sorrisi accennati che contraddistingue l’evoluzione del rapporto tra il Driver e Irene ne è l’esempio più lampante e la purezza di sentimento che ne traspare – senza venir mai sovraccaricata – è una delle cose più cinematografiche che possa capitare di vedere.

EDA

Vi lascio con la canzone più rappresentativa del film

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Drive (Nicolas Winding Refn) ★★★/4

  1. Luigi ha detto:

    Si condivido a pieno l’opinione. Un bel film da vedere.

  2. curiositizen ha detto:

    e io devo ancora vederlo. e me l’hanno tolto al cinema. crisbio. A leggere la tua rece mi sembra un film decisamente adatto anche alle mie corde. Vedo di recuperarlo al più presto! ciao, c

  3. EDA ha detto:

    Ciao! qualche sala che lo proietta dovresti ancora trovarla e fidati che merita la visione sul grande schermo anche solo per le riprese notturne di Los Angeles (molto “MANNiane” tra l’altro)

  4. Riky ha detto:

    Purtroppo non sono d’accordo. Ho visto questa sera il film, dandogli tutta la mia fiducia… purtroppo l’ho trovato terribilmente lento. Silenzi intervallati da altri silenzi.
    Ho atteso per tutto il film che la storia evolvesse in qualcosa di senso compiuto… invece niente. Il film ha continuato ad esprimere davvero poco; come il suo protagonista dopotutto.
    Delusione… l’unica scelta azzeccata è la macchina della rapina… una Shelby Mustang GT500 nera. Davvero fantastica :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...